Medici di famiglia, nuovi obblighi col Ddl sanità: “25 ore in studio e più visite”

Ddl sanità Cantù pronto per l’esame a Senato e Camera, nuove regole per i medici di famiglia, più assistenza territoriale per i pazienti e meno pratiche burocratiche. Ecco cosa cambia

Il nuovo disegno di legge sulla sanità a firma di Maria Cristina Cantù, è pronto per l’esame al Senato e alla Camera. In caso di approvazione definitiva entreranno in vigore nuove regole per i medici di famiglia e facilitazioni burocratiche per i pazienti, oltre al potenziamento delle strutture territoriali di prevenzione ed assistenza primaria, per evitare gli affollamenti nei pronto soccorso degli ospedali. Si prevede inoltre di istituire una nuova rete che si chiamerà “One health” a tutela della salute territoriale e globale, con l’inserimento di altri 60mila medici di base, per arrivare all’obiettivo di avere un medico ogni 1000 assistiti.

Cosa cambia per i medici di famiglia: il nuovo Ddl Cantù, il disegno di legge per la riforma di alcune procedure del sistema sanitario cambierà alcuni obblighi per i medici di famiglia.

Dall’entrata in vigore del provvedimento infatti gli specialisti convenzionati in medicina generale dovranno assicurare la presenza in studio per almeno 25 ore settimanali. Inoltre garantire le visite domiciliari per tutti quei pazienti che sono impossibilitati a recarsi presso gli ambulatori.

La ricetta elettronica diventerà strutturale e tutto potranno ricevere le prescrizioni tramite email, oltre al fatto che per i malati cronici che devono assumere farmaci a vita o per lunghi periodi, sarà estesa la validità ad un anno. Il nuovo schema di sistema sanitario di base è stato accolto positivamente dalle associazioni e sindacati del settore. Come sottolinea Angelo Testa presidente di Snami “è un disegno di legge che, con la dovuta attenzione alle carenze attuali, programma la sanità territoriale del futuro, valorizzando la figura del medico di medicina generale che torna ad essere il centro della assistenza sul territorio”

Comments 21

  1. Ricevere i pazienti su appuntamento non aiuta certo ad avere il pronto soccorso meno affollato. Viene a mancare in generale, ma in particolare per i soggerri più fragili, la sicurezza di poter incontrare il medico nel momento del bisogno. Sentirsi dire venga tra 5 giorni non è la stessa cosa, è un notevole peggioramenti rispetto al passato

  2. Ammalarsi è un dramma. La mancanza di ascolto, la semeiotica cioè la capacità di leggere i segni e i sintomi per decodificare la malattia, purtroppo è quasi scomparsa nell’insegnamento della medicina e nella pratica clinica.
    Cosa ancora più grave le “ Scartoffie” che un medico di medicina generale deve affrontare penalizzando e trascurando il paziente e poi perdendo il senso a quello che si sta facendo.

    1. Ovviamente il “mestiere” di medico della mutua è stata una libera scelta e non una costrizione. Lavorare 25 ore la settimana (ore molto ben pagate) , non giustifica la mancata assistenza vs i pazienti (che sono la parte debole di questo sistema).
      Un operaio lavora almeno il doppio e con uno stipendio da fame (solita retorica trita e ritrita lo so).
      L’impossibilità da parte dei pz poi di contattare il proprio medico,….. penoso.
      Ippocrate secondo me si sta rivoltando nella tomba. La nobile arte oramai è scaduta a livelli infimi

      1. Forse lei ha un medico di base così ma io per 1720 pazienti a Busto Arsizio lavoro dal lunedì alla domenica compresa per un totale di 50 ore settimanali
        Visito,scrivo ricette,leggo referti, prescrivo esami,rispondo al telefono,e molto altro
        Non ho week end liberi ,non ci sono sostituti.
        Si vergogni.
        Non faccia di un erba un fascio.
        E come me moltissimi,non tutti.
        Ma qui la colpa è dell Asst che non controlla chi sgarra.

        1. Ha ragione a non fare di tutta un erba un fascio, e le faccio onore ma quando pare Lei è una mosca bianca, io sono dal periodo della pandemia ( che ci stava a prendere un appuntamento o rispondere a telefono)ma io da allora vivo nel terrore di ammalarmi , soffro di ernie discali, fibromialgia, attacchi di panico e ansia, asma e varie allergie tra cui anche da farmaci , ora per il 2020/ 2021 mi è andata bene perché ho lavorato da casa e non avevo bisogno di prendere ferie, poi nel 2022 sono rientra a tempo pieno in servizio ma per le mie malattie ogni tanto sono costretta a letto chiamavo il medico e mi rispondeva la segreteria in malo modo dicendomi che il medico senza visita non poteva rilasciare il certificato medico per il lavoro, giustamente dico io , allora le dica di venire a casa visto che sono impossibilitata a camminare, il medico non puo venire se non prendere l’appuntamento, ma io devo prevedere una settimana prima che mi ammalero’ la settimana successiva? Non può capire stare con l’ansia per ricevere una telefonata, ed e capitato che se ne dimenticato ho dovuto andare una volta alla guardia medica e un’altra volta al pronto soccorso per sentirmi dire che bastava andare dal mio medico 🤬 morale della favola ho consumato tutte le ferie ( meno male che il mio responsabile è una persona che capisce e mi è sempre venuta incontro) ma cosa devo fare ,anzi perché devo pagare la sanità se poi faccio prima a chiamare un privato, tanto è lo stesso , o il governo ci sta portando a far sparire la sanità pubblica ? So solo che ho una depressione e mi sento inerme 😭

        2. Concordo. NON BISOGNA FARE GENERALIZZAZIONI. io ho 1200 pazienti e le ore di ambulatorio e quelle extra ambulatorio a ” porte chiuse” e le visite portano a superare le 45/50 ore settimanali. Inoltre le persone no hanno idea che siamo retribuiti con partita Iva con obblighi da dipendenti ma zero aiuti . Mancano i sostituti, se stai male non hai la mutua , non hai ferie pagate non hai tredicesima p altro né tfr. Se vuoi avere uno studio decente devi comprare tutto tu. La asl non passa nulla. Pensano addirittura che la segretaria sia stipendiata asl , non tua .

          1. Non mi faccia ridere prendete 200000 euro al mese più le visite in privato dovete raccontare la verità il mio medico di base per un infezione da virus non covid mi hà obbligato prima a fare il tampone e poi non mi hà visitato mi hà soltanto suggerito un antibiotico siete ridicoli serve un cambiamento così non va affatto adesso farò dei reclami prima regionali e poi nazionali dovremmo votare tutti noi cittadini per liberarci di voi e mettere dei medici senza frontiere come in africa

        1. Il mio medico di base fa 3 volte a settimana dalle 9 alle 12 e 2 volte dalle 14 alle 17 per cui son 15 ore a settimana e non 25. Al telefono e alle e-mail richiesta prescrizione medicinali ed appuntamenti risponde la segretaria (condivisa con altri medici stesso studio) solo in orario di studio e mia madre allettata ultrasettantacinquenne in 7 anni ha ricevuto visita a domicilio 3 volte di cui una solo sotto minaccia di chiamare il 113 e striscia la notizia. Per cui Pur capendo che possiate sentirvi o esser sotto pagati dovreste mettervi una mano sulla coscienza e non fare pagare con la salute dei pazienti la vostra sottovalutazione. Non tutti hanno assicurazione privata e possono permettersi il medico extra.

  3. Attualmente , nella REGIONE CAMPANIA,il mio medico di basse con 1500 assistiti, con 15 ore di studio settimanale, ha una retribuzione netta superiore EURO 8000 mensile.
    INOLTRE NON HA NESSUNA SPECIALIZZAZIONE.
    PERCEPISCE UN RETRIBUZIONE SUPERIORE DEL 40% DI UN MEDICO OSPEDALIERO
    SPECIALIZZATO CON 38 ORE DI LAVORO SETTIMANALE.

    1. Sono 3,4433 euro lordi per paziente normale che farebbe 5164 Euro lordi
      Probabilmente il suo dottore segue anche pazienti nelle RSA quindi magari lavora in studio 15 ore con i pazienti, +almeno altre 20 ore per rispondere alle telefonate e alle e mail, per compilare ricette e spedirle, per compilare certificati di invalidità e certificati vari , per aggiornare i dati, e altre 12 ore in case di riposo.
      Poi ha le visite domiciliari, in periodi di influenza magari anche 5 al giorno conti che anche se il paziente è a 1 km ci vuole un’ora, quindi aggiunga alle 35 di prima altre 2h al giorno per 5 giorni, vuol dire altre 10 (2 ore è una media molto bassa)
      15 h + 20h + 12h + 10h = 57 ore alla settimana
      il medico deve pagarsi l’affitto dello studio, l’assicurazione ,il programma su cui lavora e tutte le spese relative + benzina ecc…
      se vuole fare ferie deve pagarsi un sostituto ,malattia deve pagarsi un sostituto, maternità deve pagarsi un sostituto
      Ora pensi che minimo fa 17 ore in piu, di un medico ospedaliero e con le spese sicuramente prende molto molto di meno e lavora molto molto di piu
      Forse bisogna informarsi

  4. Salve, il mio medico non risponde nè a telefono nè su whatsapp ma ha imposto di essere contattato solo tramite un’app.
    Tra i suoi obblighi rientra anche quello di interrompere le interazioni REALI tra medico e paziente? se sì, potrei avere la legge che IMPONE QUESTA NUOVA PROCEDURA?
    Grazie
    fiovince22101993@alice.it

    1. Tanti medici si sono associati e possono permettersi nelle loro spese di pagare questo servizio. Hanno deciso cosi’ perchè le telefonate dei pazienti portavano via troppo tempo e non riuscivano a fare il loro lavoro
      oggi mancano come dice l’articolo iniziale 60.000 medici
      non ho idea di dove possano trovarli visto che i medici di base all’estero vengono pagati molto molto di piu’. si specializzano in Italia e poi vanno via.

  5. Diciamoci chiaramente che la politica degli ultimi 10 anni ha fatto di tutto per portare la sanitò sul privato. E quello che volevano e in parte ci sono riusciti
    , chiudendo ospedali,reparti interi, pronto soccorsi e affittando a enti privati le sale radiologiche le sale TC ecc…..
    ho telefonato per una TAC urgente possibile recidiva (cancro) all’ospedale che mi ha operato. Risposta : tra 6 mesi
    Chiedo: e a pagamento Risposta: domani pomeriggio sono 500 Euro

  6. Cari Colleghi e carissimi concittadini, sono un medico di famiglia di 63 anni e lavoro in un piccolo paese in provincia di Lecce di 6.500 anime. Dico che avete tutti ragione, i colleghi seri che lavorano (e sono la maggioranza) vengono screditati agli occhi degli assistiti per colpa di una parte di medici di famiglia che, magari facendo un secondo lavoro da privato (dentista, dermatologo, ecc. ecc.), trascurano i loro doveri di medico di famiglia. Gli assistiti d’altro canto, non sono ben informati sugli stipendi reali al netto del medico di famiglia nè su tutto quello che realmente fà il medico in modo non visibile e valutabile al di fuori dell’ orario di studio studio. Serenamente vi dico che io apro lo studio alle 8 del mattino, dalle 8 alle 9 faccio il giro dei pazienti non ambulabili in ADP e/o ADI presso il loro domicilio.Alle 9 più o meno inizio l’ambulatorio fino alle 13 circa assentandomi ogni tanto per qualche urgenza. Durante lo studio ricevo mediamente 45-60 chiamate (ho 1500 assistiti) che gestisco tramite la segreteria telefonica del mio telefono filtrando le urgenze dalle altre necessità non urgenti (sono tante, credetemi: richieste di certificati di malattia, di rientro a scuola, precisazioni sulla terapia, consigli su come affrontare alcune situazioni critiche ecc. ecc.). Alle 15 torno a casa, pranzo e alle 16 inizio a chiamare le persone che hanno lasciato un messaggio in segreteria. Ci metto dalle 2 alle 3 ore circa. Poi inizio a fare le ricette dei farmaci in forma elettronica richieste dagli assititi tramite whatsapp o tramite cartaceo e le invio telematicamente. Ci metto circa 4 ore. Finisco circa alle ore 21. Il sabato, quando non c’è il solito corso di aggiornamento FAD, comincio a fare i certificati per le pensioni di invalidità e/o pensione di inabilità INPS Mod. SS3, registro alcuni referti degli assistiti nella loro cartella clinica, redico i piani terapeutici in scadenza durante la settimana per farmaci con questo obbligo e questo continua fino a tutta la domenica, eccetto dalle 8 alle 11 quando esco in bici con degli amici, dalle 13 alle 19 intervallo in cui pranzo, MI RIPOSO e vado in chiesa. Dopo le 19 rientrato a casa dalla s. messa , credetemi, c’è sempre ancora qualcosa da ultimare per il lunedì. Questo è il mio lavoro, negli ultimi due anni ho il terrore di assentarmi per le ferie estive, in quanto al rientro gli assistiti mi assalgono letteralmente. Ho sviluppato una sindrome da panico da rientro tanto che il periodo di ferie si è sempre più ridotto. Adesso spero solo di finire e di andare in pensione. Mia figlia, anche Lei medico, per un periodo mi ha affiancato e, dopo aver constatato di che si tratta, ha deciso di lavorare a Milano per poi trasferirsi in Francia dove altri suoi colleghi lavorano bene e anche rispettati. “Rispetto da dare e da ricevere” . Grazie a tutti

    1. Parole d’oro. Penso che i pazienti che ci criticano e soprattutto i funzionari Asl e molti giornalisti dovrebbero affiancare la maggior parte di noi per un mesetto ma penso basterebbe una settimana

    2. Lei è un medico sicuramente di quei cinque bravi e onesti che esistono in italia e sono contento che almeno cinque medici di famiglia su 60000 in italia fanno il loro dovere ma va tutto a buttane perchè 5995 sono da bocciare e dovrebbero essere sostituiti anche perfino con medici senza frontiere come nel terzo mondo quelli si che sono degli angeli dell,umanità

  7. Ma un medico di base, per urgenze, può mettere a disposizione dei pazienti solo un numero con segreteria telefonica? Non si capisce nemmeno se il messaggio viene registrato e quando lo potrà ascoltare. La risposta avviene nel corso della giornata, dopo 4/7 ore. È chiaro che i ps poi sono affollati.

  8. Nel mio caso ho dovuto cambiare MMG per il pensionamento della precedente. Ho telefonato alla segreteria dell’ambulatorio per avere appuntamento per il controllo delle analisi che mi aveva prescritto il vecchio medico e per un sopraggiunto ascesso… L’addetta mi ha dato appuntamento per il 14 giugno. Oggi è l’8 aprile. Piú di due mesi di attesa. Se ho urgenza mi ha detto di chiamare il cellulare della dottoressa, che o squilla a vuoto o è occupato…
    Che si fa? Col covid parlavano di potenziamento della medicina territoriale. Risultati splendidi, mi sembra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *